1813 / 2013

Omaggio a Giuseppe Verdi

1813 / 2013

 

Un italiano dell’ottocento che ha ancora molto da raccontare.

Nel bicentenario della sua nascita una mostra su Giuseppe Verdi, il maestro del teatro lirico in Italia, il più famoso compositore italiano, ancora oggi ammirato in tutto il mondo. Nato il 10 ottobre 1813 nella Valle del Po fra Parma e Mantova, nel bicentenario della sua nascita l’Italia non può non fermarsi a commemorarlo! Così facciamo anche noi attraverso questa mostra sulla sua vita.

 

scarica pdf

 

PRESENTAZIONE

Nell’ottobre 2012 il Senato della Repubblica Italiana ha affermato che “La Repubblica, nell’ambito delle finalità di salvaguardia e di promozione del proprio patrimonio culturale, storico, artistico e musicale, celebra la figura di Giuseppe Verdi nella ricorrenza del secondo centenario della sua nascita e ne valorizza l’opera. L’anno 2013, ricorrenza del secondo centenario della nascita di Giuseppe Verdi, è dichiarato «anno verdiano»”.
L’ anno verdiano, che stiamo vivendo, è quindi un’occasione imperdibile per far conoscere Giuseppe Verdi alle nuove generazioni.
Non solo l’Italia, ma il mondo intero è impegnato a rendere omaggio al genio di Busseto, ad uno dei più illustri italiani. Il Rigoletto, la Traviata, il Trovatore, il Nabucco, il Macbeth, l’Aida, il Don Carlo, l’Otello sono opere che i teatri lirici di tutto il mondo ospitano ed anelano ad avere nelle loro programmazioni.
Gli anniversari vanno quindi festeggiati. Tanto più se si tratta di un bicentenario come quello dei compositori Richard Wagner e Giuseppe Verdi, nati entrambi nel 1813.
Attraverso questo libretto presentiamo le opere e la vita di Verdi, ripercorrendo i pannelli di una bella mostra sul musicista italiano allestita presso il Consorzio delle Biblioteche di Viterbo, con l’intento di farlo conoscere alle giovani generazioni; una mostra che è stata realizzata grazie alla collaborazione di diversi enti, ai quali va il mio personale ringraziamento e che con molta probabilità verrà allestita anche in altre “località verdiane”.
Non mi resta che lasciarvi leggere queste pagine sugli eventi che hanno caratterizzato la vita di “un italiano dell’Ottocento, che ha ancora molto da raccontare”; ma non prima di avervi dato un buon consiglio per la lettura di queste pagine: leggetele ascoltando la musica di Giuseppe Verdi, proprio come hanno potuto fare i visitatori della mostra!
Buona lettura e buon ascolto!

 

Paolo Pelliccia
Commissario Straordinario
Biblioteca Consorziale di Viterbo

 

 

 

mostre_Verdi_06

 

mostre_Verdi_07

 

mostre_Verdi_08

 

mostre_Verdi_09